Il Bonus Idrico entra nella Legge di Bilancio 2021

bonus idrico

E’ in arrivo il Bonus Idrico. La Commissione Bilancio della Camera dei Deputati ha approvato un emendamento alla Legge di Bilancio 2021 introducendo una incentivazione fiscale sul risparmio idrico nelle riqualificazioni edilizie. Un tassello particolarmente importante nel percorso di riqualificazione sostenibile del patrimonio immobiliare italiano. E’ basato sul riconoscimento che l’acqua potabile è un bene scarso da gestire in modo più efficiente.

Il Bonus Idrico per il 2021

La norma prevede la possibilità per i contribuenti persone fisiche di usufruire di 1.000 euro. Sono da utilizzarsi entro la fine del 2021, per interventi di sostituzione di vasi sanitari in ceramica con apparecchi nuovi aventi un volume massimo di scarico non superiore a sei litri e di rubinetterie sanitarie, soffioni e colonne doccia a portata ridotta. Rientrano nel massimale di spesa anche le opere idrauliche e murarie collegate e gli oneri di smontaggio e dismissione dei sistemi preesistenti.

Un percorso che parte da lontano

Uno studio commissionato da Confindustria Ceramica al CRESME evidenziava come il 30% dei consumi medi giornalieri di un cittadino italiano, pari a 250 litri, fosse da attribuire all’uso dei vasi sanitari nel nostro Paese. Dove gli oltre 57 milioni di vasi in esercizio consumano annualmente 1,4 miliardi di metri cubi di acqua. Pari ad un costo di 2,4 miliardi di euro. Oltre la metà di questi sanitari è stato posato prima del 1990, quando gli apparecchi sanitari utilizzavano 12-15 litri per ogni scarico. Qualora si sostituissero i 28,4 milioni di vecchi vasi con nuovi apparecchi, aventi scarico massimo pari a 6 litri, si avrebbe un risparmio strutturale di acqua pari a 414 milioni di metri cubi all’anno. E un risparmio di 665 milioni di euro per le famiglie italiane ed una riduzione di 2,9 milioni di tonnellate di CO2.

L’opinione di Confindustria Ceramica

Un risultato particolarmente importante nel campo della ristrutturazione edilizia nel nostro Paese, per il quale Confindustria Ceramica, Anima Confindustria Meccanica e FederlegnoArredo hanno lavorato congiuntamente. “L’inserimento nella legge di bilancio 2021 del bonus idrico rappresenta il completamento delle iniziative di Confindustria Ceramica. Sono iniziate il 2 luglio 2013 con la presentazione a Roma della ricerca Cresme sul tema – dichiara il vice presidente Augusto Ciarrocchi -. Un emendamento di fondamentale importanza perché, per la prima volta, viene riconosciuta la necessità di sostenere l’efficienza idrica del nostro patrimonio edilizio”.