Superbonus 110%, le spese per i professionisti sono agevolate

superbonus 110%

Le spese per i professionisti come geometri, architetti o ingegneri, rientrano nel Superbonus 110%? La risposta è affermativa, anche se bisogna fare un po’ di chiarezza. L’Agenzia delle Entrate afferma infatti che la detrazione spetta anche per la progettazione e le altre spese professionali connesse. Significa per esempio l’effettuazione di perizie, i sopralluoghi, le spese preliminari di progettazione, ispezione e prospezione. In poche parole si può affermare che i costi relativi al progetto, alle pratiche burocratiche per presentare la richiesta di permesso edilizio e l’aggiornamento al catasto di fine lavori sono detraibili. Non è tutto, perché per sua stessa essenza il Superbonus richiede certificazioni (e quindi costi) che non sono sempre stati richiesti per i precedenti bonus edilizi. Perciò queste spese sono state inserite fra quelle detraibili al 110%.

Superbonus 110%, APE e asseverazioni

Il riferimento è in primis all’APE (Attestato di Prestazione Energetica). Ne servono due, uno prima dell’intervento di riqualificazione energetica e uno al termine dei lavori. Sono necessari per determinare il doppio salto di classe dell’edificio oggetto degli interventi (e deve essere rilasciato da un tecnico abilitato nella forma della dichiarazione asseverata). A proposito: una certificazione chiave è l’asseverazione fornita da un professionista sul rispetto dei requisiti tecnici degli interventi effettuati. Nonché della congruità delle spese sostenute in relazione agli interventi agevolati. Anche questa operazione rientra fra le spese agevolate al 110%. Va aggiunto che tale asseverazione è rilasciata al termine dei lavori oppure per ogni stato di avanzamento dei lavori e attesta i requisiti tecnici sulla base del progetto e della effettiva realizzazione.

Il visto di conformità

E infine eccoci al visto di conformità dei dati relativi alla documentazione. E’ indispensabile nel caso in cui si opti per la cessione del credito o per lo sconto in fattura e interamente detraibile. Con questo documento si va ad attestare la sussistenza dei presupposti che danno diritto al Superbonus. Il visto di conformità è rilasciato dai soggetti incaricati della trasmissione telematica delle dichiarazioni (dottori commercialisti, ragionieri, periti commerciali e consulenti del lavoro) e dai responsabili dell’assistenza fiscale dei CAF. Sono tenuti a verificare la presenza delle asseverazioni e delle attestazioni rilasciate dai professionisti incaricati.