Consigli su come risparmiare acqua in casa

Consigli su come risparmiare acqua

Consigli su come risparmiare acqua in casa. Una volta tornati dalle vacanze potrebbe essere una buona idea quella di impegnarsi in una causa importante per il nostro pianeta. Per esempio potrebbe essere opportuno non sprecare l’acqua che consumiamo in casa. Utilizzando l’acqua consumiamo le riserve idriche che dovrebbero ricaricarsi attraverso la pioggia e la neve che alimentano i ghiacciai, i fiumi, i laghi e le falde. Ma se in un dato momento preleviamo più acqua di quella che naturalmente viene ricaricata stiamo consumando le riserve e andando in deficit idrico, ed è proprio quello che sta succedendo anche in Italia. E’ utile dunque fare il nostro compitino e contribuire personalmente ad eliminare gli sprechi. Ecco alcuni suggerimenti da seguire.

Consigli su come risparmiare acqua in casa

Aprire e chiudere il rubinetto sono azioni abituali, che compiamo senza pensare. Sicuramente nessuno è in grado di dire quante volte ripete questa azione durante il corso della giornata. Eppure anche questo gesto può essere importante per risparmiare l’acqua potabile. Applicando un frangigetto al rubinetto si produrrebbe un notevole risparmio: una famiglia di tre persone potrebbe risparmiare circa 6mila litri d’acqua in un anno.

Chiudere il rubinetto quando ci si lava i denti o ci si rade

Lavarsi i denti o farsi la barba sono azioni quotidiane durante le quali lasciamo scorrere l’acqua senza utilizzarla. Se tenessimo aperto il rubinetto soltanto per il tempo realmente necessario per il prelievo dell’acqua effettivamente necessaria, potremmo risparmiare circa 2.500 litri di acqua per persona all’anno.

Riparare il rubinetto che gocciola

La piccola goccia che cade dal rubinetto, sommata a tante altre che, inutilizzate, scorrono via in un vero e proprio spreco, inutile e dannoso per tutti. Riparare il rubinetto porterebbe via solo pochi minuti ma permetterà di risparmiare in un anno circa 21.000 litri d’acqua.

Riparare il water che perde

Riparando il water sarà possibile evitare il lento ma costante fluire dell’acqua e risparmiare circa 52.000 litri d’acqua in un anno

Controllare la tua cassetta di scarico

Le normali cassette di scarico del water hanno una capacità di 12 litri, che, ad ogni scarico vengono rilasciati. Se le condizioni lo permettono sarebbe bene installare sistemi in grado di erogare la quantità di acqua strettamente necessaria. Nei principali negozi di idraulica e sanitari sono in vendita sistemi per un consumo più razionale (a manovella, a rubinetto o diversificato) che liberano a scelta 6 o 12 litri d’acqua. Si arriverebbe così ad un risparmio del 50%, quantificabile in circa 26.000 litri d’acqua in un anno.

Doccia o bagno?

Per una doccia sono necessari circa 20 litri d’acqua, mentre per un bagno ne occorrono circa 150. Il calcolo del risparmio è presto fatto…

Lavare le verdure lasciandole a mollo anziché in acqua corrente

Le verdure devono essere accuratamente lavate e risciacquate. Basterebbe lasciarle a mollo in una vaschetta per un certo periodo di tempo e risciacquarle poi velocemente sotto un getto d’acqua per realizzare un notevole risparmio d’acqua: Per una famiglia di tre persone è stato calcolato un risparmio di circa 4.500 litri all’anno.

Utilizzare lavatrice e lavastoviglie a pieno carico

Effettuare lavaggi a pieno carico permette di risparmiare una notevole quantità di acqua: Per una famiglia «tipo» di tre persone è stato calcolato un risparmio di 8.200 litri all’anno.

Lavare l’automobile usando il secchio e non l’acqua corrente del getto

Non pretendere di avere l’auto scintillante tutti i giorni. Usare il buonsenso. Si è calcolato che il lavaggio dell’auto impiega acqua per circa 30 minuti, con un notevole volume di consumo. Se invece si utilizzasse un secchio si potrebbero risparmiare circa 130 litri d’acqua potabile per ogni lavaggio.

Utilizzare acqua già utilizzata per innaffiare l’orto, i fiori o le piante

Per annaffiare l’orto o i fiori del terrazzo non è necessario utilizzare acqua potabile. Si può invece adoperare l’acqua già utilizzata per altri scopi, ad esempio per le verdure. In questo modo si possono risparmiare in un anno circa 6.000 litri d’acqua potabile.