La cucina di casa gioca un ruolo fondamentale

cucina di casa

La cucina di casa è da sempre uno dei luoghi privilegiati dell’abitazione, per questo è necessario sceglierla con la massima attenzione. Nell’ambito della vita domestica è senza dubbio luogo privilegiato di incontro, ma anche laboratorio in cui sperimentare la propria abilità ai fornelli. Innovativi e tecnologici, oppure rustici, country e tradizionali, gli arredi per la cucina devono essere studiati per essere funzionali. Gli elettrodomestici saranno dotati delle migliori tecnologie perché possano rendere più efficiente il tempo e lo spazio.

La cucina di casa

Come per l’arredamento degli altri locali, prima di tutto servirà un progetto con il quale si valuteranno attentamente sia l’aspetto architettonico del locale che la ospiterà, sia quello componentistico. Non si tratta soltanto di utilizzare al meglio i metri quadri a disposizione. Ma soprattutto di disegnare in essi percorsi e distribuzione di aree di lavoro le più comode e razionali possibili, il tutto, naturalmente all’interno di un immagine estetica in totale sintonia con il proprio personale modo di percepire la cucina come “luogo” all’interno dell’intera abitazione. La distribuzione degli arredi e la dislocazione in essi dei componenti e degli elettrodomestici crea un insieme armonico nel quale si svolgono tutte le operazioni fondamentali che ruotano intorno all’atto del mangiare: la conservazione, la pulizia e la preparazione.

Arredo funzionale

Una cucina arredata in modo funzionale aiuta a ridurre la fatica quotidiana: l’ergonomia, disciplina scientifica che studia come progettare l’ambiente di lavoro per migliorare sicurezza, comfort e benessere, sostiene che in una cucina adeguatamente organizzata è possibile ridurre notevolmente le ore dedicate al lavoro e i chilometri percorsi spostandosi nel locale. Una cucina di solito include una zona lavaggio, una zona per la conservazione dei cibi ed una zona cottura. Il lavello può essere ad una o due vasche, con il gocciolatoio a fianco, lo scolapiatti pensile e la lavastoviglie sottostante.

L’organizzazione del locale

Vicino alla zona lavaggio andrebbe previsto lo spazio destinato a conservare i cibi. I piani di lavoro devono essere ben suddivisi. Il lavello e il piano di cottura, per esempio, non devono essere attigui, un piano di lavoro, pertanto, li separerà. Il piano di cottura deve essere provvisto di cappa aspirante, la lavastoviglie non esclude lo scolapiatti. Utile inoltre avere in cucina anche un depuratore d’aria che elimina la polvere e i cattivi odori. Contenitori estraibili, sotto il lavello, inoltre, saranno perfetti per la raccolta differenziata dei rifiuti. La scelta fra scaffali con ante chiuse o scaffali a giorno è puramente estetica, non sempre compagna della praticità: se si opta per la soluzione «ante a giorno» è importante tener presente che gli oggetti esposti dovranno essere sempre in ordine.

Sfruttare razionalmente

Inoltre è bene ricordare che pentole, piatti e tutto ciò che ha un certo peso verrà situato nei mobili di base, le riserve alimentari e tutto ciò che è più leggero, invece, dovrà essere collocato in alto. In cucina ci sono tanti utensili e oggetti di cui non si può fare a meno. Per questo è importantissimo sfruttare in modo razionale tutti gli spazi. Se siete a caccia di spunti per dare vita a una cucina che rispecchi fedelmente la vostra personalità chiedete all’arredatore di fiducia!